Sì definitivo al Sistema terziario di ITS

ITS Academy. Il futuro è oggi

E’ del 12 luglio 2022 la notizia dell’approvazione, in via definitiva, della proposta di legge per l’Istituzione del Sistema terziario di istruzione tecnologica superiore, approvata, in un testo unificato, dalla Camera e modificata dal Senato.

Introduce nell’ordinamento una normativa organica di rango legislativo per gli Istituti tecnici superiori (ITS), sino a oggi disciplinati – nei loro tratti essenziali – principalmente da una fonte di rango secondario, il DPCM del 25 gennaio 2008 recante “Linee guida per la riorganizzazione del Sistema di istruzione e formazione tecnica superiore e la costituzione degli Istituti tecnici superiori”.

Il testo interviene sul segmento formativo terziario post diploma, di durata biennale (o anche triennale, secondo quanto previsto dall’articolato), che punta sulla specializzazione tecnica da assicurare in sinergia con il mondo imprenditoriale e il sistema universitario. 

Secondo i più recenti dati disponibili, a oggi tale segmento comprende 121 Istituti, con 833 corsi attivi, 21.244 studenti e 3.100 soggetti partner coinvolti. Si tratta di un’offerta formativa ancora piuttosto circoscritta, sebbene in crescita, che offre significative opportunità di lavoro: infatti, dal Rapporto sull’attività di monitoraggio nazionale 2022 svolta dall’INDIRE si evince che l‘80% dei diplomati ha trovato lavoro a un anno dal diploma e, fra questi, il 91% ha trovato un’occupazione coerente con il percorso di studi.

Occorre inoltre ricordare come la riforma degli ITS figuri fra gli impegni contemplati nel PNRR.

In particolare, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, nel prevedere la riforma del sistema ITS, si pone una serie di obiettivi: il rafforzamento del modello organizzativo e didattico tramite l’integrazione dell’offerta formativa, l’introduzione di premialità e l’ampliamento dei percorsi per lo sviluppo di competenze tecnologiche abilitanti necessarie per realizzare il piano “Impresa 4.0“; il consolidamento degli ITS nel sistema ordinamentale dell’Istruzione terziaria professionalizzante, rafforzandone la presenza attiva nel tessuto imprenditoriale dei singoli territori; l’integrazione dei percorsi ITS con il sistema universitario delle lauree professionalizzanti; un rafforzamento del coordinamento fra le scuole professionali, gli ITS e le imprese.

Risorse dedicate agli ITS

Sotto il profilo delle risorse, allo sviluppo del sistema ITS il PNRR destina 1,5 miliardi di euro con l’obiettivo ultimo di raddoppiare il numero degli attuali iscritti entro il 2026.

Le risorse sono finalizzate ai seguenti interventi: l’incremento del numero di ITS; il potenziamento dei laboratori con tecnologie 4.0; la formazione dei docenti, affinché siano in grado di adattare i programmi formativi ai fabbisogni delle aziende locali; lo sviluppo di una piattaforma digitale nazionale per le offerte di lavoro rivolte agli studenti in possesso di qualifiche professionali.

Complementarmente peraltro, nell’ambito della riforma delle classi di laurea, lo stesso PNRR evidenzia l’obiettivo di ampliare le classi di laurea professionalizzanti, facilitando l’accesso all’istruzione universitaria per gli studenti provenienti dagli ITS.

Rispetto alla disciplina vigente, il progetto di legge presenta sia elementi di continuità, sia aspetti innovativi.

Elementi innovativi di una disciplina ITS rivoluzionata

Fra le novità occorre avere riguardo, in particolare:

i) alla modifica della denominazione degli istituti tecnici superiori in Istituti tecnologici superiori (ITS Academy);

ii) a nuove aree tecnologiche rispetto a quelle che caratterizzano gli attuali ITS, alle quali faranno riferimento gli ITS Academy;

iii) alla suddivisione dei percorsi ITS in due livelli, a seconda del quadro europeo delle qualifiche (EQF): quelli di quinto livello EQF di durata biennale e quelli di sesto livello EQF di durata triennale;

iv) al rafforzamento dei raccordi tra gli ITS Academy e il sistema universitario e AFAM;

v) alla ridefinizione dei soggetti fondatori, con il riconoscimento agli istituti di alta formazione artistica e musicale di un ruolo paritario rispetto alle università e il venir meno della necessaria presenza degli enti locali;

vi) alla ridefinizione della governance delle fondazioni ITS Academy, rispetto a cui si prevede che il Presidente sia di norma espressione delle imprese;

vii) al rafforzamento della sinergia con le imprese, fra l’altro mediante l’incremento delle ore di tirocinio e la previsione che l’attività formativa sia svolta almeno per il 60 per cento del monte ore da docenti provenienti dal mondo del lavoro;

viii) al sistema di accreditamento degli ITS Academy, quale condizione per l’accesso al finanziamento pubblico;

ix) alla revoca dell’accreditamento fondato su esiti negativi dell’attività di monitoraggio e valutazione;

x) all’istituzione di un fondo ad hoc destinato a finanziare i percorsi formativi, secondo una logica di programmazione triennale;

xi) alla promozione di elargizioni liberali in favore degli ITS, mediante l’introduzione di un credito di imposta pari al 30% dell’erogazione in denaro (che diviene 60% nei territori in cui il tasso di disoccupazione supera la media nazionale);

xii) al potenziamento degli istituti connessi al diritto allo studio, mediante la previsione di borse di studio ad hoc anche per lo svolgimento di tirocini.

Sitografia

www.camera.it