Ipotesi di piattaforma normativa per il rinnovo 2024/27 del CCNL Metalmeccanica

Fim, Fiom e Uilm, con l’Ipotesi di piattaforma normativa, hanno avviato il percorso di rinnovo 2024/2027 per il CCNL Metalmeccanica.

Il documento rappresenta le esigenze del settore della Metalmeccanica e dell’Installazione di impianti ed intende fornire risposte adeguate per oltre 1,5 milioni di lavoratori occupati in 30.000 aziende.

Il negoziato, contestualizzato in una fase storica caratterizzata dalla transizione ecologica, digitale e dell’intelligenza artificiale, abbraccia soluzioni socialmente eque volte a ridurre le disparità, dunque: incremento delle retribuzioni, riduzione dell’orario di lavoro, crescita dell’occupazione stabile, formazione ed aggiornamento professionale, welfare, salute, sicurezza.

Ipotesi di piattaforma: relazioni industriali diritti di partecipazione, politiche attive

Campo di applicazione. Le parti chiedono la garanzia di applicazione del CCNL Metalmeccanica alle realtà che dovranno riorganizzare e razionalizzare assetti societari e organizzativi, anche in virtù della transizione ecologica, digitale e dell’intelligenza artificiale.

Diritti d’informazione e partecipazione. Le OO.SS. necessitano la definizione dei percorsi di consultazione e dei compiti dei comitati di partecipazione, degli ambiti e delle regole di coinvolgimento delle RSU e dei lavoratori, attraverso l’individuazione e la predisposizione di un schema di informazione standard da fornire in sede aziendale.

Comitati consultivi. L’ipotesi di piattaforma prevede la costituzione, nelle imprese con almeno 500 dipendenti, di comitati consultivi necessari al confronto preventivo con parere sindacale nei casi di scelte strategiche d’impresa, investimento e piani industriali, introduzione di nuovi prodotti, processi produttivi e relativo impatto occupazionale.

Politiche attive. Al fine di evitare espulsioni occupazionali e licenziamenti le OO.SS. prevedono la predisposizione da parte delle aziende di un piano sociale necessario alla realizzazione di piani di reindustrializzazione nei casi di riorganizzazione, crisi di impresa e processi di delocalizzazione; è possibile in quest’ottica individuare strumenti necessari alla salvaguardia dell’occupazione e al processo di trasformazione del settore: Fondo nuove competenze, Contratto di espansione e Cds, ad esempio. Ogni azienda provvederà a costruire un bilancio delle competenze dei lavoratori, utile all’individuazione delle capacità presenti nell’organico.

Intelligenza artificiale. La trasformazione digitale deve procedere nel pieno rispetto dei diritti dei lavoratori e della contrattazione collettiva; è necessario dunque definire un’apposita normativa che eviti abusi e violazioni e che miri, nel frattempo, alla definizione della governance dei dati e del loro utilizzo.

Inquadramento e formazione

Inquadramento. Le Parti ritengono sia necessario implementare la recente riforma dell’inquadramento che ha riguardato il CCNL Metalmeccanica attraverso l’identificazione di ulteriori esempi relativi ai vari profili professionali, lasciando spazio anche alla contrattazione di secondo livello.

Formazione. In considerazione del processo di transizione e dell’opportunità di crescita ad esso legato, è necessario che definire programmi formativi volti a rafforzare le competenze professionali, trasversali, linguistiche, digitali, tecniche, gestionali e specialistiche. E’ utile dunque considerare la possibilità di effettuare la formazione anche durante l’utilizzo degli ammortizzatori sociali, con riconoscimento della piena retribuzione.

Welfare

Flexible benefits. E’ avanzata la richiesta di aumento dell’importo annuo a 250 €.

mètaSalute. L’ipotesi di piattaforma chiede l’adeguamento progressivo del contributo mensile a 4 € del carico aziendale per dipendente, al fine di sviluppare prestazioni di carattere integrativo e mutualistico erogate dal Fondo sanitario.

Fondo di previdenza complementare Cometa. E’ avanzata dalle OO.SS. la richiesta di forme di premialità straordinarie per i nuovi aderenti e la previsione di estendere la contribuzione aziendale anche per i periodi interessati da non attività lavorativa o sospensione del rapporto di lavoro.

Ambiente, sicurezza e lavoro

Ulteriore istanza riguarda la gestione degli incontri periodici tra RSPP e RLS necessari ad affrontare tematiche ambientali (emissioni in atmosfera, gestione rifiuti, acque di scarico, impatto energetico e così via); è inoltre richiesto l’incremento a 36 ore di permesso retribuito per ogni RLS per rafforzare formazione specifica e operatività preventiva. Sarà utile in quest’ottica individuare strumenti innovativi di segnalazione tempestiva delle criticità/rischio da parte dei lavoratori con conseguente presa in carico da parte dei responsabili aziendali.

Occupazione e mercato del lavoro

La piattaforma normativa per il rinnovo del CCNL Metalmeccanica prevede un’estensione dell’utilizzo del contratto di apprendistato duale per irrobustire la sinergia scuola/lavoro e l’aumento della presenza di giovani con competenze nel settore nonché l’individuazione di norme contrattuali utili a limitare il turn over dei lavoratori a termine attraverso l’applicazione del diritto di precedenza a parità di mansioni.

Riduzione orario lavoro

Attuando forme di riduzione e rimodulazione dell’orario di lavoro sarà possibile garantire l’occupazione aumentando la produttività e la competitività, il maggior utilizzo degli impianti, dei nuovi schemi dei turni e il recupero dell’efficienza.

Conciliazione tempi vita-lavoro e politiche di genere

Le OO.SS. chiedono la definizione della normativa sul lavoro agile, telelavoro e co-working, il riconoscimento di permessi aggiuntivi per il lavoro di cura di figli minori, genitori anziani, familiari disabili e l’integrazione al 100% per ulteriori due mesi del trattamento economico previsto durante il congedo parentale; l’estensione delle norme contrattuali a tutte le vittime della violenza di genere, anche attraverso campagne di formazione e informazione specifica sui temi delle molestie e della violenza (con un minimo di 2 ore a carico azienda).

Retribuzione

Le Parti chiedono un aumento pari a 280 € (parametro livello C3) sul trattamento economico minimo e una concomitante rivalutazione dei trattamenti di trasferta e di reperibilità. Rispetto all’elemento perequativo viene richiesto l’incremento a 700 € dell’importo annuo nonché la diffusione del Premio di risultato.

Ipotesi di piattaforma 2024/2027_CCNL Metalmeccanica

Sitografia

www.fim-cisl.it