Inbreve. NASpI in corso, comunicazione (anche) del reddito presunto

Per le prestazioni di disoccupazione NASpI in corso di fruizione, in riferimento alle quali durante l’anno 2023 è stata effettuata la dichiarazione relativa al reddito annuo presunto, con indicazione di reddito diverso da “zero”, è necessario comunicare entro il 31 gennaio 2024 anche il reddito presunto riferito all’anno 2024. Così il messaggio Inps n. 4361/2023.

Tale adempimento è indispensabile anche se il reddito annuo presunto per l’anno 2024 è pari a “zero”.

In assenza della predetta comunicazione, l’erogazione della prestazione NASpI verrà sospesa al 31 dicembre 2023.

Ai soggetti che abbiano, invece, comunicato per il 2023 un reddito presunto pari a “zero”, l’erogazione della prestazione non verrà sospesa fermo restando l’obbligo di comunicazione entro il 31 gennaio 2024 nel caso in cui prevedano di produrre per l’anno 2024 un reddito diverso da “zero”.

Per la disciplina dell’attività lavorativa in corso di prestazione NASpI, l’INPS rimanda integralmente a quanto previsto dalle circolari in materia. In particolare, dalla circolare n. 94 del 12 maggio 2015, paragrafo 2.10.

Sitografia

www.inps.it