CIGO eventi meteo

Inps detta le principali istruzioni operative per la corretta gestione delle richieste di CIGO con causale “eventi meteo”, per le quali l’evento meteo sfavorevole è riferito alle temperature elevate (messaggio n. 2999 del 28.7.2022).

La causale “eventi meteo” è invocabile dal datore di lavoro anche in caso di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa a causa delle temperature elevate. Sono considerate tali quelle superiori a 35° centigradi (circolare n. 139/2016) e quelle percepite (con il messaggio n. 1856/2017 è stato chiarito che anche temperature inferiori a 35° centigradi possono determinare l’accoglimento della domanda qualora venga valutata la temperatura “percepita”, che è più elevata di quella reale).

CIGO eventi meteo. Cosa deve fare il datore di lavoro?

Nella domanda di CIGO e nella relazione tecnica, il datore di lavoro deve indicare le giornate di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa e specificare il tipo di lavorazione in atto nelle giornate medesime, nonché le cause, riconducibili all’eccessivo calore, che hanno determinato detta sospensione/riduzione.

Se i predetti elementi non sono stati forniti, è necessario attivare con le consuete modalità il supplemento istruttorio (articolo 11, comma 2, del D.M. n. 95442/2016).

Inoltre, la cassa integrazione ordinaria (CIGO) è riconoscibile in tutti i casi in cui il datore di lavoro, su indicazione del responsabile della sicurezza dell’azienda, dispone la sospensione/riduzione delle lavorazioni in quanto sussistono rischi o pericoli per la sicurezza e la salute dei lavoratori, purché le cause che hanno determinato detta sospensione/riduzione non siano imputabili al datore di lavoro stesso o ai lavoratori.

Pertanto, anche nel caso in cui le sospensioni/riduzioni siano disposte dal datore di lavoro su indicazione del responsabile della sicurezza per cause riconducibili alle temperature eccessive rilevate sul luogo di lavoro, è possibile valutare positivamente la richiesta di integrazione salariale ordinaria.

Se il datore di lavoro non ha allegato alla domanda l’attestazione del responsabile della sicurezza dell’azienda, la stessa potrà essere richiesta attivando il supplemento di istruttoria. Non sarà, invece, necessaria alcuna acquisizione se il datore di lavoro autocertifica il possesso dell’attestazione nella relazione tecnica allegata alla domanda.

Sitografia

www.inps.it