inbreve. Privacy, datori verifichino programmi di posta in uso

Il Garante della privacy pubblica la newsletter n. 517, con cui rende noto il provvedimento n. 642 del 21 dicembre 2023 di adozione del Documento di indirizzo, rubricato “Programmi e servizi informatici di gestione della posta elettronica [in uso ai dipendenti – NdR] nel contesto lavorativo e trattamento dei metadati”, rivolto ai datori di lavoro pubblici e privati.

Necessaria la verifica dei programmi di gestione della posta in uso ai dipendenti

Con tale documento, viene chiesto ai datori di lavoro di verificare che i programmi e i servizi informatici di gestione della posta elettronica in uso ai dipendenti – specie con riguardo a prodotti di mercato forniti in cloud o as-a-service – consentano di modificare le impostazioni di base, impedendo la raccolta dei metadati. In alternativa, di limitare perlomeno il periodo di conservazione di essi a un massimo di 7 giorni, estensibili, in presenza di comprovate esigenze, di 48 ore.

Sitografia

www.garanteprivacy.it